protesi ginocchio dottor ortopedico luca dei giudici

Protesi monocompartimentale di ginocchio: quando si può valutare e quali vantaggi offre?

Iniziamo col dire che questa tipologia di intervento non è possibile in tutte le casistiche. Solamente le persone con un’artrosi in una sola parte del ginocchio possono essere candidate ad un intervento di protesi monocompartimentale, e non si può valutare nei casi in cui c'è grave obesità e assenza del legamento crociato anteriore o posteriore. Qual è la differenza con una protesi normale? La differenza è che durante l'intervento solo la parte danneggiata viene sostituita. La cartilagine e l’osso sano, così come i legamenti, non vengono toccati. Quali sono i vantaggi principali rispetto alla protesi totale sono: - Minor incisione chirurgica - Minor perdite di sangue - Minor dolore post operatorio - Ritorno alla propria vita più rapido Che risultati attendersi? I risultati sono mediamente molto incoraggianti. Si ha nella maggior parte dei casi una pressoché completa scomparsa del dolore, miglioramento della mobilità e della forza muscolare. La ripresa delle attività sportive è solitamente completa, tenendo conto che rimangono consigliate le attività a basso impatto come ciclismo e nuoto. Che durata ha questa protesi? La vita media di una protesi di ultima generazione supera senza problemi i 15 anni.

Contattami

Altri utenti stanno leggendo...